"Giornata dell'Amicizia" a favore di Casa Mihiri - Sri Lanka

Domenica 17 giugno 2007 alle ore 12.30
presso: Baita Alpini "Carlon" Località Carlon, Val di Sella-Borgo Valsugana [Tn]

La giornata è volta a far conoscere l’associazione ed il suo operato; pranzo tipico trentino, conferenza con proiezione di filmati e diapositive ed un pomeriggio tra amici in allegria con passeggiata nella vicinissima Cattedrale Vegetale di Arte Sella. Costo di partecipazione 20,00* euro a persona, pranzo compreso.
Ritrovo alle ore 12.00 a Borgo Valsugana al supermercato LIDL oppure direttamente alla baita in Val di Sella

Informazioni e prenotazioni:
Paolo 347/0032456
Patrick ed Annalisa 347/8593902
Mario 349/4424030 - E-mail: info@amicidicasamihiri.org

Chi verrà da lontano può pernottare nelle vicinanze in montagna o al lago, richiedete informazioni!!

* Il ricavato, al netto delle spese di acquisto dei generi alimentari sarà devoluto al progetto: "Casa Mihiri". In caso di mancata partecipazione quanto versato verrà comunque devoluto per intero al progetto.

AL MOMENTO DELLA PRENOTAZIONE PREGASI SPECIFICARE SE VEGETARIANI

Iscrivetevi ed acquistate il biglietto con largo anticipo, posti limitati!!

· Il sito www.amicidicasamihiri.org è stato ultimamente aggiornato, nelle news e nella sezione foto, grazie al nostro amico Daddo.
· Chi fosse interessato ad avviare una sponsorizzazione a distanza per un minore in Sri Lanka puo contattarci o avere maggiori informazioni sul nostro sito cliccando qui
· Il conto corrente di Amici di Casa Mihiri è cambiato, i versamenti che ancora dovessero arrivare sul vecchio c/c ci saranno comunque girati in automatico sul nuovo che è:

BANCA POPOLARE ETICA
c/c n° 500 000 - ABI 05018 - CAB 12100
intestato a: Trentinosolidale onlus
Causale del versamento (molto importante): Progetto N°62/Mihiri

Ringraziamo tutti voi per l’attenzione prestata e vi diamo appuntamento alla giornata Mihiri di giugno!


Allo spazio Makenoise di Roma si inaugura lo "Sri Lanka stories"

Le immagini di Manolo Cinti e Veronica Marica per un progetto che intende raccontare lo Sri Lanka e le sue contraddizioni

Si terrà martedí 22 maggio alle ore 19,30 l'apertura della mostra "Sri Lanka Stories" presso lo spazio espositivo Makenoise di Roma. Un percorso multisensoriale articolato in due sezioni, offre una rappresentazione dello Sri Lanka dei fotografi Manolo Cinti e Veronica Marica, in cui emergono le contraddizioni di un paese in via di sviluppo. Multisensoriale perché, oltre alle immagini, sarà possibile ascoltare i suoni e le voci delle persone e dei luoghi, immergendosi davvero nella realtà dello Sri Lanka e dei suoi abitanti. Sarà inoltre possibile degustare prodotti ed i piatti tipici dello Sri Lanka.
All'inaugurazione, oltre ai due autori delle foto, saranno presenti: Asanty Issanayake, Ministro Consigliere dell'Ambasciata dello Sri Lanka, Narada Wigesooriya Proprietario dell'emittente Net Tv, anche media partner della mostra e Romolo Salvador Sabio, Consigliere Aggiunto in Consiglio Comunale per Asia e Oceania.

Nella prima sezione, intitolata "Classe Emergente", i fotografi danno volto ad una nuova classe sociale che, non curante del classismo imperante nel Paese e della profonda depressione economica, si sta progressivamente affermando: la borghesia. Si tratta di business men, medici, avvocati, piccoli e medi imprenditori che ispirati al modello occidentale tentano di risollevare lo Sri Lanka dalla profonda crisi.
La seconda sezione, "Emergenza Nascente", è un reportage che rappresenta l'altro volto dello Sri Lanka: migliaia di bambini abbandonati in case-famiglia, orfanotrofi e riformatori aiutati dalle numerose associazionidi volontari che operano sul campo.
È il caso di Casa Mihiri, una realtà tutta italiana, il cui obiettivo primario è quello di dare ai bambini srilankesi un futuro migliore ed un presente dignitoso. Proprio a questaassociazione sarà devoluto il ricavato del libro fotografico legato al progetto Sri Lanka Stories che sarà pubblicato nel corso dell'anno.Con il prossimo step del progetto Sri Lanka Stories i fotografi intendono documentare l'integrazione della comunità dello Sri Lanka che vive in Italia dal punto di vista dell'imprenditorialità emergente (cdg).


13° Memorial "Bepo Foches" U.S. Villazzano, sostiene Amici di Casa Mihiri

Carissimi amici,

com’è ormai consuetudine anche quest’occasione di festa, sport ed aggregazione per i nostri bambini è contraddistinta da un’iniziativa di carattere umanitario. Il progetto di solidarietà che abbiamo voluto sostenere nell’ambito del 13° Memorial “Bepo Foches” assume l’ambizioso proponimento di trasmettere alle nuovissime generazioni la consapevolezza del loro essere e del loro vivere; l’impegno sociale di cui essi stessi possono con poco, essere partecipi, non li farà certo diventare dei buoni calciatori ma futuri uomini buoni si!

Molti di Voi ricorderanno infatti, le iniziative che hanno accompagnato le passate edizioni dei tornei organizzati dall’U.S. Villazzano, quali: “Basta col lavoro minorile nel mondo”, “un gol per la solidarietà”, “un gol per l’amicizia” e “costruiamo la casa famiglia Mihiri”. Tutti questi progetti hanno trovato nella generosità dei bambini e delle loro famiglie, un preziosissimo aiuto per accendere un sorriso sulle labbra e negli occhi di molti piccoli e meno piccoli in Bolivia, Somalia e Sri Lanka, permettendo loro di poter finalmente essere bambini e soprattutto poter vivere come tali, contribuendo al loro diritto ad esistere, giocare e studiare.

Il nostro ed il Vostro impegno si sono quest’anno concentrati sul dare continuità al sostegno dell’Associazione “AMICI DI CASA MIHIRI” che da anni aiuta le attività portate avanti da Lorenzo Bacci e Lucilla Andreanelli a Walahandua in Sri Lanka, uno dei numerosi progetti che al mondo, come piccole gocce che ci auguriamo possano diventare un giorno un oceano, si propongono di lavare le tante ingiustizie e soprusi cui sono da sempre costretti dall’avidità dell’uomo, i paesi ed i popoli più poveri.
Dopo aver contribuito nel nostro piccolo all’ultimazione di una casa famiglia per diciotto bambine con problemi socio famigliari e ragazze che hanno subito maltrattamenti d’ogni genere, dove potessero trovare ciò di cui avevano maggiormente bisogno, affetto, cure e educazione scolastica, ci sembrava giusto provare ad instaurare un legame più concreto con la casa stessa ed i progetti che in essa si sviluppano.
In particolare il Presidente dell’Associazione, Sig. Mari Liberali, ci segnala il caso urgente di una bimba di due anni che si è pesantemente ustionata e per le cui cure, gli amici della Casa si stanno prodigando a ricercare il denaro necessario.

La nostra idea è quella di chiedere, come nelle passate edizioni del torneo, un piccolo sacrificio ai Vostri bambini e la Vostra sensibilità nel divulgare fra loro l’iniziativa. Se i genitori saranno d’accordo, ogni bambino sarà invitato a rinunciare durante tutto l’arco della durata del torneo, a qualche piccolo capriccetto, l’equivalente di un gelato, una coca-cola o quanto uno vorrà. La busta contenente la somma risparmiata potrà essere affidata in forma strettamente anonima al proprio allenatore che, il 6 maggio, durante la festa di chiusura della manifestazione, le consegnerà all’organizzazione per il successivo affidamento al Sig. Mario Liberali.

Sono certo che anche questa volta la Vostra sensibilità darà origine ad una grande manifestazione di generosità.

Durante il Memorial “Bepo Foches”, il Sig. Liberali si è reso disponibile a presentare ai ragazzi e a Voi genitori, questo e gli altri progetti in cui è impegnata l’Associazione “Amici di Casa Mihiri”, attraverso uno o più incontri alla fine delle partite, in una data che Vi comunicheremo in seguito.

Un ringraziamento sincero per la Vostra partecipazione ed un augurio di buon divertimento.

U.S. VILLAZZANO
Il Responsabile del Settore Giovanile
Grassi Luca

Villazzano, 23 marzo 2007


Aiutiamo la piccola Paboda

Ci scrive Lucilla da Casa Mihiri per segnalarci un nuovo caso urgente: Paboda Sanipani Samarasinghe, una bimba di Wanchawala, Galle, si è pesantemente ustionata su tutto il corpo ed ha perso le dita della mano destra.
Giocando si è tirata addosso la tovaglia del tavolo sulla quale era appoggiata una lampada a petrolio, il tutto ha preso fuoco e la piccola si è trovata avvolta dalle fiamme.
Bisognerebbe ora raccogliere dei soldi per aiutare la famiglia a operare la figlia che ha appena compiuto i due anni essendo nata il il 4 marzo 2005.
La mamma e’ casalinga ed Il papà ha lasciato il lavoro statale per ritirare la liquidazione e far operare la figlia ma i soldi non sono sufficienti. Servono 1.400 euro per far fronte alle due operazioni necessarie a normalizzare per quanto possibile la sua condizione.
Presso la nostra sede abbiamo una documentazione fotografica del caso, che abbiamo preferito non pubblicare, vista la delicatezza del caso.

Aggiornamento del 07 maggio 2007
Grazie alla generosità dei giovani partecipanti al 13° Memorial “Bepo Foches” U.S. Villazzano, Trento, della Cassa Rurale Altavallagarina di Volano e di altri privati sostenitori è stato raggiunto l’obiettivo prefissato per poter sostenere le prime due operazioni. Vi terremo informati sul caso ed auguriamo a Paboda di poter al più presto riprendere una vita più serena.

L’intervento dell’assessore provinciale alla Solidarietà Internazionale ed allo Sport, Iva Berasi, alla serata di presentazione del 13° Memorial “Bepo Foches”


Ultime notizie da Casa Mihiri

Torno dal viaggio in Sri Lanka, fatto a gennaio, con molte novità. La permanenza di un mese a Walhandua, Galle, ha permesso a me e Maurizio di osservare assiduamente l’ottimo lavoro portato avanti da Lucilla e Lorenzo e l’andamento dei progetti attivati. Anche la presenza della volontaria Sonia Defrancesco, da agosto a novembre, ha lasciato i suoi frutti; infatti grazie a lei i progressi riscontrati nelle bambine sono notevoli: ho visto, con molto piacere che l’organizzazione della Casa ha subito dei cambiamenti in positivo.

Le bambine sono molto più ligie ai loro piccoli compiti quotidiani e aderiscono volentieri alle attività organizzate per il dopo scuola: hanno iniziato di recente un corso di informatica e uno di danza, oltre a quelli che già seguivano di matematica e inglese.

L’educazione delle bambine ha fatto grandi passi avanti e sono sicuro che le cose possano continuare in tal senso. Altre novità riguardano l’arrivo di tre bimbe all’interno della struttura che hanno bisogno di maggiori attenzioni per entrare in sintonia con il nuovo ambiente. Grazie al contributo di Fondazione Metalistem Sonia è potuta tornare a Casa Mihiri dove si fermerà per tutto il 2007. Il 15 di gennaio la volontaria è quindi partita per Galle dove si occupa di portare avanti il progetto attivato: la formazione di personale locale e la responsabilizzazione delle bambine più grandi al fine di garantire una continuità alla struttura avvalendosi, in futuro, esclusivamente di personale locale per impartire un’educazione completa che va dall’economia domestica, all’insegnamento dell’importanza della pulizia e dell’igiene personale, alla cucina, al cucito.

Negli ultimi anni il numero delle bambine è aumentato, si manifesta pertanto la necessità di reperire fondi al fine di ampliare a breve la struttura; così da permettere che le bambine piccole e quelle più grandi abbiano un proprio diverso spazio.

Altro aspetto da non sottovalutare è quello legato alle adozioni a distanza, è necessario attivarne altre poiché sono molti i bambini esterni a Casa Mihiri ad avere bisogno del nostro aiuto; garantire la sopravvivenza e la scolarizzazione a coloro che non se lo possono permettere è uno dei principali obiettivi perseguiti da Amici di Casa Mihiri.

Colgo, a tal proposito, l’occasione per ringraziare a nome dell’Associazione tutti coloro che hanno finanziato i nostri progetti, in particolare i dipendenti dei supermercati Orvea ed i privati che ci hanno sostenuto, permettendo il mantenimento di Casa Mihiri e dando la possibilità a molti bambini, non solo all’interno della struttura, di vivere meglio. Ricordo inoltre che per qualsiasi informazione riguardante i progetti attivati, siamo sempre a disposizione.

Il Presidente Mario Liberali


Progetti realizzati con il contributo della Fondazione Metalsistem


Pranzo degli Amici di Casa Mihiri

Domenica 3 dicembre 2006
alle ore 12.00 a Borgo Valsugana di Trento (TN) presso la sala associazioni (vecchio campo sportivo) si terrà
Il Pranzo degli Amici di Casa Mihiri
pranzo tipico trentino, conferenza sulle attività di Casa Mihiri, proiezione di disapositive e nel pomeriggio musica e balli.
Un'altra occasione per passare una giornata tutti insieme, parlare del nostro progetto e farci gli auguri prima delle partenze di Natale.

L'appuntamento è per le ore 12,00 di domenica 3 dicembre presso la sala associazioni di Borgo Valsugana al vecchio campo sportivo.
Ci ritroviamo qualche minuto prima al distributore Agip (rotatoria vicino al centro commerciale "le Valli").
Per chi non conoscesse la strada, può cliccare qui e scaricare la cartina.

Vi preghiamo di estendere l'invito anche ai vostri amici e di prenotarvi con un largo anticipo, dimodochè possiamo avere la possibilità di organizzare al meglio la giornata.
I posti sono limitati e il costo di adesione è di 20,00 euro a persona (15,00 euro per gli studenti, offerta libera per i bambini).
L'incasso della giornata, al netto delle poche spese sostenute, verrà interamente devoluto al progetto Casa Mihiri.

Per prenotarvi potete contattare:
Patrick Giacomin e Annalisa Paoli - Novaledo, Tn - Tel. 347 8593902
Mario Liberali - Rovereto, Tn - tel. ore serali 0464 430416
Paolo Dellamaria - Trento - Tel. 347 0032456
Maurizio Boscheri - Laghetti di Egna, Bz - Tel. 0471 818233
Daddo - Milano - Tel. 347 5974539
Alessandra Moratelli - Trento - tel.328 6111057
Per e-mail: info@amicidicasamihiri.org

Parcheggi nelle vicinanze della sala Associazioni: 10-15 per ogni lato del campo di calcio, al centro commerciale le Valli e al caseificio.


"Pranzo dell'Amicizia" a favore di Casa Mihiri

Domenica 21 maggio 2006 alle ore 12,00 presso la Casa degli Alpini a Novaledo Valsugana, Trento.
Ospite d’onore a sorpresa: la simpatica e vulcanica Teresa Iannaccone, Presidente del Coordinamento Lazio Club ONLUS che ha consegnato una targa ed un generoso contributo a favore di Casa Mihiri.


Stand degli Amici di Casa Mihiri a Trento Asiatica - dal 15 al 18 maggio 2006

Trento Asiatica: arriva QuestAltroMondo partecipano con uno stand anche gli "Amici da Casa Mihiri"

Dal 15 al 18 maggio 2006 ritorna a Trento e Martignano il più importante laboratorio di cultura, cooperazione e solidarietà in Trentino, dedicato ai grandi temi sociali ed internazionali

Dopo il successo della prima edizione dedicata all’America Latina, protagonista delle intense giornate di QuestAltroMondo sarà nel 2006 l’Asia: dal Medio all’Estremo Oriente, dallo Sri Lanka al Pakistan, l’universo asiatico vive e cresce nelle diversità culturali, religiosi e sociali.
Asia QuestAltroMondo vuole essere un omaggio a questa ricchezza e vitalità, trasformando per qualche giorno la città ed i suoi dintorni in una little Asia del dialogo, della solidarietà e della pace.
A Trento e Martignano, dal 15 al 18 maggio, l’Asia si apre e dialoga con il territorio per quattro giorni ricchi di dibattiti, mostre, expò, laboratori e sapori: un’occasione unica di confronto e collaborazione tra istituzioni pubbliche, scuole e università, sindacati e associazioni di migranti, realtà del volontariato, del Terzo settore e Organizzazioni non governative che operano in diverse realtà del continente e singoli cittadini che vogliono incontrare l’Asia nelle tante esperienze di trasformazione ed organizzazione “dal basso”.

L’apertura ufficiale di QuestAltroMondo - lunedì 15 maggio - sarà al femminile, al centro, come di consueto, della conferenza internazionale World Social Agenda (WSA) che dal 1999 esplora le culture altre, nell'intento di tracciare un nuovo modello di fare cooperazione transnazionale centrato sui diritti.
Arriveranno dall’Asia relatrici di rilevanza internazionale per parlare di economia, di politica, dei loro progetti di cooperazione e sviluppo, perché in India e nel Sud- est asiatico come altrove le donne e il loro coraggio rappresentano un efficace strumento di cambiamento e promozione dei diritti dell’intera comunità. Tra le ospiti anche Chea Vannath, cambogiana, donna simbolo del genocidio dimenticato operato dai Khmer rossi negli anni Settanta e candidata al Nobel per la pace nel 2005.

Le Cene dell’Altro Mondo porteranno dal 16 al 18 maggio il dialogo in tavola. Cina, Tibet e Thailandia. Israele e Palestina. India, Pakistan e Sri Lanka. Veri e propri “laboratori culinari”, le Cene offriranno alla città l’occasione di conoscere piatti equi e solidali, danze e tradizioni delle comunità asiatiche che vivono in Trentino. Alla loro settima edizione, le Cene dell’Altro Mondo sono diventate in questi anni l’appuntamento atteso da molti in città per la primavera trentina, a dimostrare come un vero momento di festa possa diventare un felice esperimento di integrazione e convivenza.
Dal 16 al 18 maggio sarà possibile visitare l’expò di decine di associazioni trentine che cooperano con l’Asia e nel pre-cena d’ogni serata incontrare, assieme ad ATAS Cultura, gli autori di libri che narrano del Grande Continente.
Già in questi mesi la cultura e la società asiatica stanno contaminando il mondo della scuola, con attività e progetti che coinvolgono gli studenti di ogni ordine e grado: teatro, letteratura, arti grafiche, moda, cucina e commercio equo per vivere e scoprire i volti diversi di un continente in evoluzione.
Il 6 aprile un primo assaggio sarà offerto dallo spettacolo teatrale “Verso la Cina” a cura degli studenti del Liceo Leonardo Da Vinci.

Un’ anteprima dello spirito che si vivrà nei giorni della manifestazione verrà data a colpi di cricket sabato 13 maggio, quando in piazza Duomo, al centro della città, “scenderanno in campo” e si sfideranno in una partita amichevole nel loro sport nazionale le due squadre di pakistani e indiani. Niente paura per chi di questo sport sa poco o nulla e con curiosità vorrebbe cimentarsi almeno una volta nella vita. A margine del campo si terranno laboratori di cricket tenuti dalla Trentino Cricket Club, in serie A nel campionato nazionale.

L’intera manifestazione potrà essere seguita in diretta su Radio Studio Sette In Blu (www.radiostudiosette.com).

La manifestazione è promossa da Associazione Tremembè, Unimondo, Fondazione Fontana, Cinformi, Cooperativa Mandacarù, con il patrocinio e il sostegno della Regione Trentino Alto Adige, l’Assessorato alla Solidarietà della Provincia di Trento, l’Assessorato alla Cultura e Solidarietà del Comune di Trento, della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

Per maggiori informazioni: www.worldsocialagenda.org


Il maremoto. Testimonianze di Camilla De Mori

LA GABBIA DELL'INDIFFERENZA

Sciluni, Abidash, Brian, Susil. I bambini dimenticati "salvati" dallo tsunami hanno occhi grandi da cerbiatto e un sorriso in gabbia. Nascosto dalle sbarre degli orfanotrofi-lager, appannato da anni di violenze, spento dagli spari della guerra civile. Ma ora l'onda assassina che in Sri Lanka ha spazzato via case, scuole, famiglie, ha squarciato per sempre la gabbia dell'indifferenza, scoperchiando l'inferno dei più piccoli e mettendolo sotto gli occhi del mondo. E mentre l'oceano continua a risputare sulle spiagge quel che resta di uomini e donne, con i soldi dell'emergenza, c'è chi pensa a ricostruire anche il futuro dei bambini e a fare in modo che il birthmark impresso sulla fronte delle bimbe singalesi e il maru delle piccole tamil diventi davvero il segno della buona sorte. E il merito è di persone come Lucilla Andreanelli, Lorenzo Bacci e Sebastiana Di Martino, che con la onlus Amo-Attraverso il mondo per un sorriso da anni lottano per correggere le storture di un sistema sbagliato, che accetta che il 30% dei bambini - secondo dati ufficiali - venga stuprato in famiglia.


VIOLENZE AI BAMBINI, EMERGENZA GENERALE 

Doveva essere un viaggio nello Sri Lanka devastato dallo tsunami. Si è trasformato in un viaggio nell'inferno della violenza sui bambini. Dietro le sbarre degli orfanotrofi lager, dietro il filo spinato delle città assediate: dove il sorriso dei più piccoli si spegne, ingabbiato, per lasciar spazio all'orrore. Massimiliano Fanni Canelles, medico di Cividale, in missione per la onlus Spes, con un mandato dell'Istituto internazionale di studi sui diritti dell'uomo, era partito alla ricerca degli orfani dello tsunami. Ma, nei 10 giorni di maratona attraverso l'isola, da Colombo a Galle e da qui al nord dei tamil, ha scoperto che l'onda assassina ha lasciato relativamente pochi bambini senza genitori (500 secondo i dati governativi, 850 secondo il professor Harendra de Silva della National protection children authority), ma ha contribuito a scoperchiare e mettere sotto gli occhi del mondo la piaga di una violenza diffusa e sistematica. «Lo Sri Lanka – si legge nel documento finale - è un Paese dove lo stupro dei propri figli o dei bambini in genere è una prassi generalizzata. Secondo de Silva quasi il 30% dei bambini, il 20% dei maschi e il 10% delle femmine sotto i 5 anni è già stato stuprato». Come spiega Fanni, «con i fondi raccolti vorremmo finanziare un centro per donne e bambini nel sud, in collaborazione con la onlus Amo, che a Galle già ha una casa famiglia per 18 bambine stuprate, ottimamente condotta da Lucilla Andreanelli e Lorenzo Bacci. Inoltre, nei dintorni di Colombo, vorremmo ristrutturare il Remand Home Kottawa, un riformatorio del governo dove i ragazzini - anche quelli abusati - vivono dietro le sbarre tutto il giorno per un periodo che va da un mese fino a due anni». Ma il problema più grave riguarda la zona nordest. «Nel sud il governo ha liberato le strade e sta ricostruendo la ferrovia. Da Batticaloa in su - denuncia Fanni Canelles - è tutto come un mese fa. Le strade sono piene di macerie e non percorribili. Il governo non ha mandato gli aiuti necessari e ci sono solo ong. Il motivo è che la popolazione è a maggioranza tamil. Il governo sta utilizzando lo tsunami per combattere i tamil lasciandoli nella disperazione. Non solo: visto che molte ong stanno dirottando i loro sforzi verso la zona tamil ha mandato una lettera che impedisce a chiunque di poter gestire autonomamente i soldi degli aiuti e, sempre con la scusa dell'emergenza, ha incaricato una ditta di applicare la censura della corrispondenza.


SORRISI INGABBIATI

Il viaggio nell'inferno dei sorrisi ingabbiati comincia nei cameroni sporchi dell'Halpatota children home, un "detention" del sud dove un centinaio di bimbi - molti abusati - vivono "parcheggiati" in attesa che si decida a chi affidarli. E da lì, risalendo la costa, arriva ad un remand a Kottawa, vicino a Colombo, un riformatorio-lager dove 55 bambini dai 6 ai 18 anni per la sola "colpa" di aver rubato una catenina o di essere scappati di casa o addirittura dopo aver subito violenza, vivono tutto il giorno dietro le sbarre. Non ci sono orfani dello tsunami, ma se oggi quei bambini dormono sui letti donati dall'Unicef qualche settimana fa e non più per terra, è merito dell'onda emotiva provocata dal maremoto. La "casa del sorriso" esiste anche per i piccoli singalesi, in un villaggio vicino a Galle, nel sud, dove, nel novembre 2004, la onlus Amo, ha inaugurato "Casa Mijri" ("dolce casa"), per accogliere 18 bambine dai 6 ai 14 anni, che hanno subito violenza e che lì cercano «una medicina per dimenticare tutto», come una piccola singalese disse un giorno a Lucilla Andreanelli che insieme al marito Lorenzo Bacci gestisce ottimamente la casa.


FILO SPINATO

L'onda che uccide ha cancellato case, alberghi, resort. Non le differenze. Se nel sud dei singalesi le ruspe sono al lavoro per rimuovere i detriti e ricostruire la ferrovia, man mano che ci si avvicina al Nordest a maggioranza tamil sulle strisce d'asfalto sconnesso, la situazione si fa più disastrosa. A Batticaloa l'effetto è quello di un'Apocalisse. Dove c'era una primary school ora ci sono solo macerie, che coprono ogni metro quadrato della costa: lo tsunami qui non ha lasciato neanche le fondamenta. E sembra che sia accaduto ieri. Nessun aiuto governativo è arrivato ai tamil, lamenta Anton Stanislos dell'associazione Koinonia. Se i soldati presidiano la città dietro i check point, al lavoro si vedono solo le ong e i locali, che spalano a mano. All'albergo Co.op.inn, il migliore di "Batti", con le pulci nel letto, incontriamo volontari francesi, svedesi, addirittura texani Qui, dove i tamil sono il 60% della popolazione, gli sfollati vivono in roventi store di lamiera come il Paddy marketing boarding store, dove, divise da teli di plastica in "loculi" di due metri per due, abitano 230 famiglie. Ma la speranza può rinascere anche dietro il filo spinato della guerra civile. Perché recintato dietro lo stesso filo spinato dei check point, a Manresa, c'è il terreno da 7 ettari che Koinonia comprerà con fondi stranieri per costruire un nuovo orfanotrofio e dietro quel filo spinato, a Kaluvankerry, c'è la terra che, grazie al contributo di Spes, accoglierà una scuola per i piccoli tamil.


SULL'ONDA DELL'EMOZIONE: LE RIVELAZIONI DELLO TSUNAMI

La Natura comunica, purtroppo con un linguaggio che l'essere umano non è più in grado di comprendere. La tragedia dello tsunami nel Sud-est Asiatico del dicembre 2004 ha scosso le nostre coscienze e toccato le nostre più profonde corde emotive, ma i misfatti che, a distanza di quasi due mesi, sono emersi dalle conseguenze del disastro sono destinati a sconvolgere ancora di più le nostre fragili certezze. Lo Sri Lanka – un tempo noto come Isola di Ceylon - è governato dal gruppo etnico di maggioranza cingalese di credo buddista, che non ha mai riconosciuto i diritti dei Tamil, di religione indù, minoranza che vive nella parte nord dell'isola. Questi, soprattutto durante gli anni '70, hanno subìto soprusi e violenze di ogni genere da parte delle autorità governative, accusate di continue violazioni dei diritti umani. Nel 1983, è nato il movimento delle Tigri per la Liberazione della Nazione Tamil (Liberation Tigers of Tamil Eelam - LTTE), che ha iniziato la lotta armata per l'indipendenza. Il conflitto, tuttora sanguinoso, ha causato fino ad oggi 70mila morti e 800mila profughi, tutti Tamil. Lo scenario che si è presentato a Batticaloa all'arrivo dei primi soccorsi è lo stesso ovunque all'est: case e strade distrutte, macerie a perdita d'occhio. I volontari delle ONG francesi giunti sul posto scavano a mani nude per estrarre ciò che resta dei cadaveri ancora intrappolati, respirando l'aria ammorbata dall'odore della morte. Muovendo verso nord, a Trincomalee, la percentuale di presenza tamil aumenta e lo stato di abbandono nel quale viene lasciata la popolazione è ancora più evidente. La fame e le malattie stanno decimando i sopravvissuti, molti sono bambini febbricitanti e denutriti, costretti a dormire per terra e per coprirsi hanno un telo sporco e sdrucito. La posizione del governo cingalese è di non inviare gli aiuti che sarebbero necessari per garantire un ritorno alla normalità in quelle aree a maggiore densità di tamil, oppositori del governo: l'ordine è di sfruttare lo stato di disperazione nel quale versano, causato dalla furia dell'onda assassina, per contrastare il dissenso. Il governo ha fino ad oggi elargito ad ognuno meno di un euro al giorno, due pezzi di pane rancido e due sigarette: i tamil sono in rivolta contro i militari inviati a vigilare. Trincomalee è assediata, lungo la strada ci sono posti di blocco ogni cinque chilometri, le donne si sdraiano a terra per impedire il passaggio dei mezzi militari.